Mostre online

La rubrica Mostre online, ideata durante il periodo della chiusura dei musei, guida il visitatore in un percorso di approfondimento attraverso i videoracconti dei curatori.

Giorgio de Chirico particolare Oreste e Pilade

MOSTRA: Carta Coreana - Hanji

> Scheda mostra

Episodio 1
“L’Hanji è soprattutto conosciuta per il restauro di libri antichi grazie all’eccezionale capacità di durare oltre mille anni se conservata in modo appropriato. In Corea è però utilizzata in maniera molto versatile sia per la produzione di oggetti della quotidianità, ma anche in opere artistiche sia tradizionali che contemporanee ed è quest’ultimo aspetto che volevamo esplorare con l’Accademia di Belle Arti di Roma”. Choong Suk Oh, direttore dell’Istituto Culturale Coreano in Italia - 주이탈리아 한국문화원

Episodio 2
“L’obiettivo della mostra "Carta Coreana – Hanji" al Museo Carlo Bilotti fino al 27 febbraio 2022, è di portare la carta Hanji nel mondo della ricerca sul contemporaneo più avanzata, grazie al contributo degli artisti e delle opere realizzate con questo materiale”. (Cecilia Casorati, direttrice dell’Accademia di Belle Arti di Roma)

TI RACCONTO UNA MOSTRA: Arte e Natura

Podcast della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.

> Scheda mostra

Ti racconto una mostra: Arte e Natura Ep. 1
Il tema del rapporto tra arte e natura è affrontato in mostra attraverso opere che - non godendo di uno spazio espositivo permanente - vengono qui valorizzate e messe in dialogo tra loro.
Percorso per visitatori con disabilità visiva

Ti racconto un'opera: Arte e Natura Ep. 2
L'artista Claudio Palmieri ci racconta la sua opera "Giardino d'inverno" esposta nella mostra "Arte e Natura. Opere dalle collezioni capitoline di arte contemporanea".

MOSTRA Cruor di Renata Rampazzi

> Scheda mostra

Cruor vuol dire sangue in latino. Renata Rampazzi, artista d'origine piemontese ma romana d'adozione, sceglie il sangue, simbolo che è all'origine stessa dell'arte cristiana, per invitare i visitatori a riflettere sul tema della violenza sulle donne. A metà tra insofferenza all'ipocrisia borghese e l'urgenza dell'esprimersi, l'artista ha riversato sulle tele la rabbia, il disagio, l'impazienza senza mai sfociare nell'osceno e nell'ovvio, ma trovando una forza pulsante e viva nel colore più provocatorio di tutti: il rosso. Con pochi tratti, ma ricchi di significante e significato, l'artista riesce a suggestionare, evocare, rappresentare pur rimanendo nell'astratto. In questo video, realizzato da Giorgio Treves, Dacia Maraini e Claudio Strinati raccontano la necessità di Renata Rampazzi di tradurre nei suoi quadri la forza della denuncia contro la discriminazione di genere.

Visita con il Prof. Claudio Strinati
Il professor Claudio Strinati, curatore dell’esposizione, propone un approfondimento sulla ricerca che l’artista, a partire dagli anni ’80, ha operato sulla violenza sulle donne.